Eh già, la nuova ricostruzione unghie è in Polygel, ma…

 

Da dove nasce il Polygel?

 

Il Polygel, chiamato anche Acrygel, ha fatto il suo ingresso nel mondo del nails da poco più di due anni, ma già è riuscito a rivoluzionare i canoni della ricostruzione unghie. Al momento sono poche le aziende a lanciare questo prodotto innovativo, nonostante sia molto utilizzato dalle onicotecniche. Scopri il Polygel di Jemis

Per il lancio di questo prodotto è stata presa ispirazione dall’Asia, dove nelle competizioni di nails, sono soliti aggiungere delle gocce di gel all’acrilico per le creazioni in 3D. Gli esperti però sconsigliano l’utilizzo di questa pratica per un servizio quotidiano nel salone, così mixato infatti il prodotto rischia di rompersi.

Per questo nasce il Polygel, un sistema innovativo che unisce un mix di tecnologie derivate da oligomeri del gel e polimeri dell’acrilico, dando forma a un “tripolimero”.  Il prodotto è più semplice nell’applicazione e permette una scultura dell’unghia estremamente più veloce riducendo i tempi di limatura e il deposito di polveri, rispetto ai metodi tradizionali. Non va miscelato con il monomero quindi non emette odori forti e sgradevoli come l’acrilico e non genera picchi di calore sulle unghie come il gel, migliorando il livello di comfort della cliente durante la seduta.

 

L’applicazione del Polygel 

Scopri il Polygel di Jemis

La nuova ricostruzione unghie è in Polygel perchè l’elevata viscosità del prodotto consente di applicarlo direttamente su tutte e cinque le unghie per poi modellarlo e polimerizzarlo tutto insieme. Prima di iniziare il lavoro, è necessario inumidire il pennello con una speciale soluzione che ne facilita il modellamento, lasciando all’operatrice tutto il tempo necessario per lavorare senza correre il rischio che il prodotto coli o si secchi all’aria come l’acrilico. Il prodotto si conserva all’interno di un tubetto che permette un’applicazione precisa, offrendo massima igiene alla cliente. Come il gel tradizionale va polimerizzato in lampada UV o LED.

Questo prodotto può essere utilizzato sia con la cartina che con formina o direttamente sull’unghia naturale. Il metodo sulla formina o tip inversa è quello che più ha appassionato le professioniste del settore.

Vediamo insieme gli step su come applicare il Polygel con il metodo con formina inversa:

1- Preparazione unghia

2- Applicazione primer o nail prep

3- Applicare una base e polimerizzare

4- Trovare la misura giusta della formina idonea per l’unghia

5- Prendere una pallina di Polygel con l’opposita spatola e posarla sulla formina

6- Inumidire il pennello con la soluzione liquida, modellare e definire il prodotto sulla formina

7- Applicare la tip sull’unghia e polimerizzare

8- Togliere la tip e modellare l’unghia

9- Applicare 2 passate di colore e polimerizzare

10- Applicare il gloss e polimerizzare

—> Come si applica il Polygel

         

 

Questa tecnica è utilizzata per la ricostruzione con allungamento ed è una delle tecniche più veloci per allungare un’unghia naturale. Il Polygel si può utilizzare anche per una semplice copertura naturale delle unghie, il procedimento è identico come quando si utilizza il gel, nel video al link di seguito potete vedere come si utilizza per un refill.

—> Come utilizzare il Polygel per un refill

Un altro aspetto positivo che premia questo prodotto è la rimozione che, grazie alla sua consistenza, in fase di limatura è inferiore del 30% rispetto a quella dell’acrilico o del gel. Ciò vuol dire che si deposita sul tavolo senza disperdersi nell’ambiente, creando polvere nel centro estetico.

I 5 vantaggi del Polygel  – Scopri il Polygel di Jemis

La nuova ricostruzione unghie è in Polygel perchè questo è:

1 – LEGGERO: la sua leggerezza dona naturalezza all’unghia garantendo la durata. 25% più leggero degli acrilici, 20% più leggero del gel.

2 – FORTE: più forte del gel, più flessibile dell’acrilico, ha massima adesione, non si solleva e non si spezza con gli urti.

3 – SENZA MONOMERO: inodore e non fastidioso per la cliente e per l’onicotecnica

4 – INNOVATIVO: applicazione facile e veloce, densità perfetta e nessun bruciore

5 – FACILE DA USARE 3 step premi/prendi/applichi.

Questa innovativa tecnica può essere utilizzata su persone che hanno problemi di onicofagia, per i quali anche i gel più resistenti rischiano di saltare. Può essere proposto a tutte quelle donne che cercano una ricostruzione in tempi record, infatti la velocità di lavorazione permette di risparmiare circa 30 minuti rispetto ai metodi tradizionali. In linea generale, la semplicità e la velocità di applicazione e rimozione sono aspetti che riscuotono grande successo tanto tra le onicotecniche quanto tra le clienti.

Ricordiamo:

“L’unico modo per differenziarsi è formarsi e informarsi. O ti differenzi o ti fermi.”

Maria Grazia Lucarini

 

Scopri di più su Jemis Nails

Nail art di tendenza più richieste del momento

Differenze tra smalto semipermanente e semigel

Le origini e la storia della ricostruzione unghie: gel, acrilico, fiberglass